venerdì 28 maggio 2010

Chi contesta Ronaldinho non puo' essere milanista

Forse sono infiltrati, spie o simili. Contestare Dinho e' praticamente impossibile, a maggior ragione dopo il campionato che ha percorso da grande protagonista. Diciamolo, i problemi del nostro Milan sono piu' profondi, e' una pena che ci finisca nel mezzo il miglior giocatore del decennio.
L'unica persona che ha tenuto la nostra anima rossonera viva quest'anno, e', proprio quella del Gaucho, cari milanisti vediamo di unirci in coro per sostenerlo e mantere la testa sempre alta. Questo e' il nostro Milan, questo e' il nostro Dinho.

Ricomincia il valzer delle offerte

Puntualmente a fine campionato cominciano le danze dei giornali sul futuro di Ronaldinho. Inglesi, Italiani, Americani, Brasiliani, non c'e' distinzione. Chi la spara piu' grossa vende di piu'. Noi tifosi sappiamo che vuole restare in rossonero, si nota da quello che dichiara e dalla sua serenita' nonostante il brutto periodo, speriamo che la societa' non faccia un'altra mossa Kaka'-BIS con il Gaucho. La foca monaca deve restare a Milano. Queste dichiarazioni ci fanno paura.