mercoledì 21 luglio 2010

Quello che sta nascendo sarà il Milan di Ronaldinho?

«Secondo me è il più grande campione di tutti, è ancora più forte di quanto non lo sia stato Kakà. Ronaldinho è indiscutibil­mente un giocatore del Milan e lo sarà fino alla fine della sua car­riera. Non ci sono dubbi, resterà con noi e gli rinnoveremo il con­tratto ».
Firmato - Silvio Berlusconi - (vi basta?) - Intervista completa

10 commenti:

  1. Leone Rossonero21/07/10, 15:02

    mi basta mi basta, queste si che sono belle cose da leggere...

    non avevo visto l'intervista fatta a Silvio...

    RispondiElimina
  2. ci penso io leone :)

    Ma che mercato sarà quello del Milan?
    «Ai tifosi vorrei ricordare che negli ultimi sette anni la mia fa­miglia ha speso 461 milioni di eu­ro, una media di oltre 60 milioni di euro l’anno. Credo che nessuno in Italia come la mia famiglia ab­bia fatto uno sforzo simile per una squadra di calcio. E, infatti, faccio fatica a evitare che i miei figli mi interdicano: la mia fami­glia ha messo un miliardo e cen­to milioni in 25 anni di Milan. Venderlo? Se ci fosse un gruppo con una vera passione per questi colori potrei anche pensarci».

    E ha mai pensato invece di quotarlo in Borsa?
    «No, non è logico quotare in Borsa le società di calcio perchè rappresentano un’attività estre­mamente labile che non produce utile ma perdite».

    Allegri sarà l’allenatore giu­sto?
    «E’ un bel ragazzo fatto appo­sta per diventare star del cinema. L’abbiamo preso perchè è un maestro, ma io sono un professo­re... Ma la missione anche per lui è la stessa: vincere in tutte le competizioni e scendere in cam­po con voglia e determinazione. Deve essere un Milan padrone del gioco e del campo, un Milan offensivo. Vogliamo un gioco spettacolare, che faccia godere tutto il mondo del calcio».

    Cosa deve capire subito Allegri del Milan?
    «Non vogliamo vedere una pun­ta sola là davanti, ma almeno due. Per vincere bisogna fare gol, per fare gol bisogna tirare, per tirare ci vogliono le punte più vicine possibile alla porta e se sono lon­tane si finisce per fare la fine del­lo scorso campionato. Bisogna avere una punta centrale, una a destra, una a sinistra e un tre­quartista. Mi sembra di essere stato chiaro».

    RispondiElimina
  3. Presidente, è lo stesso schema adottato da Mourinho...
    «Ah sì? Allora ha imparato da me, mi compiaccio».

    Dove può arrivare questo Mi­lan?
    «Secondo me possiamo vincere anche la Champions League, pa­ghiamo molto questa “ rosa”... Nessuno vale i nostri campioni e nessuno va via del Milan. Secon­do noi l’organico è molto compe­titivo, può competere su ogni fronte. Ho sfidato il nostro alle­natore a trovare quattro giocato­ri da centrocampo in su con la qualità come la nostra: Pirlo, See­dorf, Ronaldinho e Pato».

    Quello che sta nascendo sarà il Milan di Ronaldinho?
    «Secondo me è il più grande campione di tutti, è ancora più forte di quanto non lo sia stato Kakà. Ronaldinho è indiscutibil­mente un giocatore del Milan e lo sarà fino alla fine della sua car­riera. Non ci sono dubbi, resterà con noi e gli rinnoveremo il con­tratto ».

    Ma il brasiliano sembrava in­tenzionato ad andare via...
    «Ronaldinho non ha voglia di andare via, è contento di stare qui. Durante il campionato ci sen­tivamo al telefono almeno una volta a settimana. Sono convinto che possa giocare fino a età inol­trata grazie alla sua velocità di pensiero. Lo ripeto: io e Ronal­dinho siamo d’accordo che rimar­rà qua finché non smetterà di gio­care a calcio».

    Cosa dovrà fare Allegri per va­lorizzare il brasiliano nel miglio­re dei modi?
    «Per me è il più grande calcia­tore al mondo e vale il prezzo del biglietto. Ha il vizio del gol e de­ve essere messo nelle condizioni giuste per fare gol. E poi fa gran­di passaggi, è il giocatore più ve­loce di testa, riesce a prevedere qualsiasi cosa debba accadere dentro l’area di rigore. E’ l’attra­zione numero uno del Milan».

    RispondiElimina
  4. Eppure si è presentato ancora una volta a Milanello decisamen­te appesantito, non proprio con un fisico da atleta...
    «Capita a tutti noi in estate di lasciarsi andare un po’... No, que­sto aspetto non mi preoccupa. Piuttosto non voglio vedere né lui né Pato giocare lontani dall’area di rigore, a cinquanta metri di di­stanza dalla porta. Vedere Hunte­laar fare l’ala destra l’anno scor­so mi dava una fitta al cuore. Ro­naldinho deve giocare a ridosso delle punte, lui ha la propensione e il vizio di spostarsi a sinistra perché lì è più libero dalle marca­ture. Ma io farei di tutto, se fossi l’allenatore, per mettere Ronal­dinho in mezzo al campo».

    Quindi resta Ronaldinho, ma potrebbe andare via un senatore come Rino Gattuso.
    «Nutro molta ammirazione per lui come giocatore e come uomo, in campo è un esempio per i com­pagni. Sarei felice se decidesse di restare, ma noi non ci siamo mai opposti alla volontà di un giocato­re di andare via. Nessuno deve ri­manere controvoglia in questo club».

    Ibrahimovic al Milan: Berlu­sconi è d’accordo?
    « Una follia per Ibrahimovic? Mai fatto follie, salvo che per Ro­naldinho. Comunque eravamo già accordo con Ibrahimovic e la Ju­ventus, poi arrivò “ calciopoli”, era l’estate del 2006, e ci fece cambiare programmi. Tuttavia anche se considero Ibrahimovic un grande campione, non so quanto starebbe bene nello spo­gliatoio del Milan».

    Allora nessun grande acquisto prima dell’inizio del campionato?
    «Quando c’è stata l’occasione non mi sono mai tirato indietro negli investimenti, come è suc­cesso per Nesta, Rivaldo e appun­to Ronaldinho. Porterò un grande se dovesse capitare l’occasione giusta...»

    RispondiElimina
  5. This year can be his best season as AC Milan´s player. Let´s go Ronnie
    Saluti,
    http://transfersaqueneutral.blogspot.com/
    (a blog about Football and NBA transfers)

    RispondiElimina
  6. povero Dinho... dopo la storia del calciatore più forte di tutti i tempi è diventato la barzelletta di facebook e giornali vari... secondo me è il dio del calcio moderno... cioè se devo pensare a quello che ha dato nella sua forma migliore è nell olimpo del calcio... io credo che lui è geniale come lo è stato Maradona... lasciamo stare le classifiche vittorie etc... ma se prendo il singolo giocatore... è quello che mi ha impressionato di più oltre Diego Maradona... cioè ci sono giocatori forti come ronaldo(quello vero) Zidane etc... ma nessuno di questi mi ha fatto innamorare di questo sport più di quanto nn abbia fatto Ronaldinho!!! ho visto giocate che immaginavo di poter vedere solo in holly & benji... la gente dice "si vabbè è spettacolare ma non forte"...ma scusate per essere spettacolare deve per forza essere anche forte e riuscire nelle cose che fa... e Dinho ci riesce e con semplicità!!!... mah... per me non ha nulla da invidiare agli altri... anzi... molte cose se le sognano molti... poi se dobbiamo parlare di premi e vittorie...mah ditemi cosa ha da invidiare a platini che ha vinto 3 palloni d'oro...cmq forza Ronaldinho e Milan!!!

    Raf

    RispondiElimina
  7. Leone Rossonero22/07/10, 00:48

    grandi parole raf

    mi leggi nel pensiero

    RispondiElimina
  8. Leone Rossonero22/07/10, 00:55

    "Un Ronaldinho così non lo vedevamo da tempo". Detta così e, alla luce delle immagini che ritraggono il Gaucho sulle spiagge brasiliane con una pancetta non certo invidiabile, la frase detta da alcuni giocatori rossoneri e riportata da Marco Nosotti nell'edizione pomeridiana di Sky Sport 24 potrebbe suonare sibillina.

    Ma nelle parole dei calciatori del Milan non c'era cattiveria. Il loro era un semplice apprezzamento per il grande entusiasmo mostrato nella prima uscita da Ronaldinho che, molto probabilmente, ha tratto beneficio dalle dichiarazioni fatte ieri dal presidente Silvio Berlusconi, il quale aveva sottolineato: "Dinho è il giocatore più forte di tutti i tempi".

    Il nuovo allenatore del Milan Massimiliano Allegri non si è fatto stregare dalle affermazioni del Premier (che, com'è noto, nutre una stima smisurata per l'ex fluoriclasse del Barcellona) e, nella conferenza stampa odierna, ha voluto mettere in chiaro che il numero 80 rossonero, pur possedendo una classe non comune, dovrà meritarsi le chiavi dell'attacco milanista, allenandosi con impegno e perdendo i chili di troppo accumulati durante le vacanze.

    Il messaggio del mister toscano ha trovato subito conferma sul campo. Nel secondo allenamento stagionale, infatti, Ronaldinho ha lavorato a parte, svolgendo un lavoro differenziato. È probabile, comunque, che già a partire da oggi, giovedì 22 luglio, Dinho torni ad allenarsi con la squadra.

    RispondiElimina
  9. secondo me si, quello che sta nascendo sara' proprio il milan del gaucho...

    quest'anno e' la prova del 9, o la va o la spacca...

    FORZA DINHOOOOOO

    ciao a tutti

    RispondiElimina
  10. Ma quelli della GAZZETTA HANNO BEVUTOOOOOOOOOOO!!!!!!?????????????? io non ho parole c'è un sondaggio che dice: chi preferite MEGLIO RONALDINHO O DONOVAN???

    Secondo me se ne stanno passando...possibile che gli amanti del calcio hanno la memoria cosi corta!!!!??? cioè stamo a parla del Gaucho che ha reinventato il gioco del calcio....io bò......

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.