lunedì 29 marzo 2010

I cugini dei campioni siete voi! "Interisti"

Attraversiamo un momento difficile, pieno di infortuni, critiche feroci verso la societa', polemiche sul mercato e progetti che non ci sono. Il Milan soffre ma con grande dignita', il Milan non vince ma rimane nel cuore di tutti. Troppe le vittorie e troppe le rivincite' che ci siamo presi, non possiamo solo contestare. Ci vuole onore e voglia di Tifare. Forza Milan!, Forza Dinho!.

7 commenti:

  1. 5 Maggio festa nazionale

    RispondiElimina
  2. Interista diventi pazzo

    RispondiElimina
  3. la speranza e' l'ultima a morire.
    Forza Ragazzi, per quest'anno andiamo avanti solo con il cuore.
    Comunque non saremo mai interisti, questa e' gia una grande vittoria.

    anonimo deinterizzato

    RispondiElimina
  4. siete vooooi siete voi

    i cugini dei campioni siete vooooii

    siete vooooi siete voi

    i cugini dei campioni siete vooooii

    RispondiElimina
  5. I tifosi rossoneri, in un modo o nell'altro, si sentiranno come in un ottovolante, un saliscendi di emozioni che, al momento, sono ad un livello abbastanza basso. Il pareggio contro il Napoli aveva, per primo, tarpato le ali ai sogni di gloria dei milanisti, complice l'infortunio di Alexandre Pato e il mancato sorpasso ai cugini nerazzurri. La seguente sconfitta di Parma, arrivata in concomitanza con la passeggiata casalinga dell'Inter, ha turbato ancora di più il popolo del Diavolo, costretto a fare fagotto ed abbandonare quasi tutte le speranze residue. Il sabato pomeriggio, tuttavia, con la vittoria della Roma sull'Inter, ha regalato agli inguaribili ottimisti un'ultima flebile chanche di riagguantare l'undici di Mourinho. Infine, il pareggio contro la Lazio, con un Milan rimaneggiato e volenteroso, ma poco pericoloso e piuttosto sfortunato, ha rimandato velocemente sulla terra le aspirazioni rossonere. La sensazione é che questa squadra abbia già fatto troppo, anche considerando la mole infinitesimale di infortuni subiti e la rosa decisamente ridotta rispetto a quella dei Campioni d'Italia. Leonardo, che a Parma era parso sconfortato dopo la sconfitta all'ultimo minuto, ha dispensato sorrisi e belle parole nel dopo Lazio, segno che la squadra ha dato il massimo, non riuscendo a raccogliere il successo che l'avrebbe riportata a -1 dall'Inter. L'allenatore brasiliano, nonostante qualche normale incertezza alla prima panchina in carriera, é stato capace di dare un'identità importante al gruppo milanista, riuscendo ad arrivare a risultati decisamente insperati ad inizio stagione. Le gare rimaste sono sette, partite non semplici, in cui il Milan dovrà affrontare formazioni in lotta per traguardi importanti, come la Sampdoria, il Palermo, il Genoa e la Juventus. Un cammino arduo, dove però il gruppo di Leonardo non potrà permettersi di mollare: la vetta non é lontana, tre punti su ventuno a disposizione sono esigui; inoltre sarà fondamentale consolidare la Champions diretta, impedendo alle inseguitrici, comunque lontanissime, di avvicinarsi pericolosamente. La fiducia non deve mai mancare, sperando che qualche infortunato riesca a recuperare e che anche la fortuna, non troppo vicina al Milan in queste ultime settimane, possa riabbracciare il gruppo rossonero.

    RispondiElimina
  6. Luca ti senti così ?
    in un'ottovolante?


    Fuma di meno.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.