venerdì 27 novembre 2009

"Quelli che Ronaldinho Gaucho"

Hanno rimosso da Youtube, TUTTI i video dell'intervista fatta da Simona Ventura a Ronaldinho Gaucho nella trasmissione "Quelli che il calcio".

giovedì 26 novembre 2009

Ronaldinho: Metamorfosi Ambulante

Si può definire così, con il titolo di una canzone di Raul Seixas, un cantante brasiliano che DINHO conosce perfettamente, una vera METAMORFOSI AMBULANTE quella vissuta dal nostro campione.
Comincia al Gremio nel suo paese di origine, poi sempre giovanissimo si mostra per la prima volta al calcio europeo nel PSG, che lo fiuta prima di tutti ma con poca ambizione per un giocatore tanto stratosferico, di conseguenza venduto al Barcellona che lo nutre e lo forma, Dinho ripaga alla grandissima e dà il meglio di se, cresce, diventa uomo, capace di intendere e di volere, quello che vuole a quel punto è il Milan.

I rossoneri rispondono all'appello, anzi dicamo che all'appello ha risposto questo blog qualche buon milanista e Berlusconi......da anni sognavamo di vederlo vestire la maglia rossonera, da anni avevamo visto la sua prima giocata e da quel momento è diventato un desiderio irrefrenabile, irrinuciabile, anche a costo di perdere dopo un'anno un ormai declinante Kakà.
Oggi di certo non ci pentiamo di questo amore, anzi, lo teniamo vivo e lo incoraggiamo come sempre abbiamo fatto.
Ronnie risponde sul campo, partita dopo partita, e questo i critici sparsi per il web avrebbero dovuto aspettarselo, era fin troppo facile giudicare un calciatore a basse prestazioni, gestito male da Carletto e da una tifoseria pronta ad attaccarlo perchè forse amareggiata dal repentino addio del loro amato Kakà. Oggi è altrettanto facile giudicare le giocate di Ronnie, (un ex-calciatore, fino a qualche settimana i giornali, i commenti nei blog e altri pseudo informatori non facevano altro che riportare titoli simili) adesso cominciano a diventare splendide di grande utilità e genio.
Grandi meriti a Dinho quindi, che ha saputo contenere dei diavoli che oggi si sono trasformati in agnellini, e, grandi meriti a tutti quei tifosi che hanno sempre creduto in lui.

Ronnie dà la carica! Ma non basta

Il risultato sarà pure privo di emozioni ma bisogna sottolineare il carattere di Ronaldinho, la voglia di caricare i tifosi ed il gruppo.
Ci piace vederlo agguerrito, combattente, un Diavolo!.
Si pareggia a San Siro contro il Marsiglia, i tocchi di un fuoriclasse sanno sempre infiammare gli spalti. Che piede!.
Milan 1 Marsiglia 1, ci giochiamo la qualificazione fuori casa, in Svizzera.

domenica 22 novembre 2009

Milan - Cagliari 7 gol, che bella partita.

Dinho e Pato lasciano il segno anche contro il Cagliari.
Seedorf apre le danze con un preciso tiro centrale 1-0
Pareggio e sorpasso fulmineo del Cagliari ma i rossoneri ci sono 1-2
Boriello, dopo un'incornata fatale di Pato che il portiere del Cagliari non trattiene insacca di testa 2-2
Pato segna un golasso, servito magicamente da Dinho 3-2
Ronaldinho trasforma il rigore con forza e precisione 4-2
Il Cagliari accorcia le distanze ma non basta 4-3
Lo scontro regala 7 gol, una bella partita invernale. Forse una delle più belle. Ci piacerebbe vedere Dinho che si accentra con più frequenza. Rimane troppo nascoto lateralmente. Vedremo.

sabato 21 novembre 2009

Natale con Dinho - Promozione mondiale del website

Ronaldinho Gaucho vuol fare un regalo di Natale molto speciale agli internauti del sito e del Blog Ufficiali del campione.
Per vincere la maglia numero 80 del Milan con l’autografo del calciatore al momento della consegna del Golden Foot 2009, anch’essa con la firma del campione, basta partecipare alla Promozione Mondiale di Natale del website di Ronaldinho www.ronaldinhogaucho.com.
Il vincitore sarà sorteggiato il 21 dicembre e il suo nome sarà pubblicato nel sito.
Quante volte il campione Ronaldinho Gaúcho ha ricevuto il premio Golden Foot? (1)
Rispondete a questa domanda sul sito e sperate. Questo Blog sta già partecipando. Buona fortuna !

lunedì 16 novembre 2009

Ronaldinho:"Adesso gioco!"

Ronaldinho Gaúcho vive una grande fase insieme al resto della squadra del Milan. Il fuoriclasse brasiliano segna reti importanti e fornisce precisi assist, è diventato uno dei principali responsabili dei risultati ottenuti recentemente dai rossoneri, imbattuti da otto partite. E il giocatore sa il perché di questo cambiamento.
Che cosa che è cambiato dopo che Leonardo ha preso il posto di Ancelotti? Adesso gioco! Oltre a ciò, mi sono ambientato al calcio italiano, parlo meglio l’italiano e mi sento fisicamente bene. Sono più concentrato sul lavoro, senza problemi che mi distolgono dai principali obiettivi, ha affermato Ronaldinho.
Il fuoriclasse ha riconosciuto il lavoro dell’attuale allenatore. Con l’arrivo di Leonardo le cose sono cambiate e sono contento, anche se ogni tanto mi sostituisce prima che terminino le partite. Lavorare con lui è stimolante. Leo è una persona entusiasta per natura e trasmette la sua energia ai giocatori. È un allenatore preparato che conosce la parte tattica del calcio e dimostrerà che il Milan ha azzeccatto nel contrattarlo, ha analizzato. Fonte: Rivista Forza Milan

martedì 10 novembre 2009

Magari di tacco, per far esplodere ancora una volta un "oooohhhh" di meraviglia.

Ronaldo de Assis Moreira e' nato a Porto Alegre, la citta' dove sboccio' calcisticamente Paulo Roberto Falcao.
Talento di purezza cristallina, Ronaldinho e' il Pele' del terzo millennio.
Meno forte fisicamente di O' Rei, abbina alla classe infinita un gusto tutto particolare per lo spettacolo.
Mai fine a se stesso o ad uso e consumo dei fotografi o delle videoclip: ogni giocata di Ronaldinho e' funzionale a qualcosa di utile per la squadra.
Sempre con un pensiero allo spettatore che ha pagato il biglietto e che ha diritto di godere della bellezza dei suoi tocchi.
Ha vinto qualsiasi trofeo che premiasse la sua capacita' individuali.
Ma attenzione ai risultati di squadra. Con lui il Barcellona ha dominato per due anni la Liga, e ha conquistato il trono d'Europa.
E' campione del mondo con la Selecao.
A 29 anni il ragazzo dai capelli lunghi e i dentoni alla Bugs Bunny e' diventato un uomo capace di caricarsi sulle spalle il peso della responsabilita' come solo un leader puo' fare.
Ronaldinho e' la risposta del genio sulla gabbia tattica, la quintessenza della liberta' di giocare.
E’ il campione che non ha dimenticato il sorriso e il sano gusto di non prendersi troppo sul serio mentre gioca.
Chi non lo ama sostiene che a volte sia piu' bello che utile.
Chi lo adora ne celebra la commistione tra il sublime e l'opportuno.
Ogni attaccante sogna di infilarsi in un corridoio, perche' se c'e' anche solo un piccolo spazio, Ronaldinho ci infilera' il pallone per un assist.
Magari di tacco, per far esplodere ancora una volta un "oooohhhh" di meraviglia.

lunedì 9 novembre 2009

Milan in ascensore: Adesso tutti li'.......

Risaliamo, risaliamo un po' per volta la classifica e ci portiamo al terzo posto.
Primi nel girone di Champions e terzi in campionato, questo finalmente dovrebbe dare un freno alle molteplici critiche che puntualmente si sollevano ogni domenica in giro per il web.
Nessuno si aspettava tanto dal Milan di Leonardo, ed ora tutti li' a fare i complimenti, tutti li' a lasciare le critiche da parte. Ci vorrebbe un po' di coerenza, prendete esempio dal Blog.
Noi siamo a favore di Ronaldinho e sempre lo saremo, qualsiasi siano le sue prestazioni e qualsiasi sia la sua posizione in campo. Dinho e' un idolo e sempre lo sara'.
Adesso lo vogliamo in SeleÇao insieme a Pato. Dunga acorda!

domenica 8 novembre 2009

Cabeça Brasiliana: Thiago Silva e Pato

Strappiamo 3 punti all'olimpico grazie ai brasiliani che la mettono di cabeça, prima Thiago e poi Pato segnano i gol che valgono la vittoria contro la Lazio.
Dinho gioca una buona partita, continuiamo a volere di più. Forse un pò distratto.
15 giorni per riflettere per il riposo e per trovare la concentrazione ideale, Leo trova un giusto equilibrio e Dida sembra rinato, ci vuole cabeça e concentrazione. Lazio 1 Milan 2

sabato 7 novembre 2009

Lazio in vista

Si riprende rapidamente dalla contusione subita in allenamento, convocato da Mister Leonardo per Lazio Milan di domani. Vuole la Seleçao e giocare fino a 40 anni come Maldini. Una cosa per volta Dinho, con calma.

mercoledì 4 novembre 2009

Gol di Ronaldinho e festa per Kaka'

Pareggio a San Siro, i 2 giganti europei giocano una bella partita, Kaka', nel suo ritorno a San Siro fa di tutto per segnare il suo primo gol contro il Milan, Ronaldinho tira un calcio di rigore scaricando grande precisione. Imparabile.
Duello movimentato, c'e una grande differenza di tiri in porta a favore del Real, molte emozioni principalmente nel primo tempo...........tutto termina senza vincitori.
Kaka', applaudito e festeggiato prima e dopo l'incontro, gioca una partita decente ma non ricorda neanche lontanamente il grande giocatore che era quando vestiva la maglia rossonera, Ronaldinho mostra un buon impegno, alcuni recuperi ma sopratutto segna il gol che decide il pareggio.
Milan leader del gruppo grazie al 3 a 2 inflitto al Bernabeu nella partita di andata.
Nota su Ambrosini, gioca una grande partita, da vero capitano.

lunedì 2 novembre 2009

Conferenza stampa a Milanello

RONALDINHO:

SULLA SUA CONDIZIONE E SUI SUOI ASSIST
“Riesco a fare molto assist perché questo è un bon momento per me, ma voglio fare anche gol, e continuare a fare assist. In questo momento le cose vanno in questo modo e sono felice di poter fare gli assist per i miei compagni. Sono felice di aiutarli.
Con Leonardo mi trovo bene, sono felice, anche se mi ha fatto uscire prima della fine della partita, ma sono cose normali.

Mi sono adattato, quest’anno è più facile per me ho imparato la lingua ed è più semplice seguire il lavoro in allenamento, poi mi sento bene e tutto questo è utile per il mio miglioramento.

Il calcio è così, è un momento in cui adesso mi sento bene e sono felice le cose vengono. Rispetto a quando le cose andavano un po’ peggio, adesso ho lavorato bene e ho trovato il tempo per lavorare, l’allenatore mi aiuta e il preparatore fisico mi fa lavorare bene. Questo mi ha permesso di fare le cose in maniera semplice quando scendo in campo.
L’anno scorso quando c’era Ancelotti qui non ho giocato molto, adesso gioco di più e anche per questo le cose vengono più facili. La fiducia arriva anche con le vittorie. Vinciamo le partite e io gioco più minuti, questo è la differenza rispetto all’anno scorso.

Quando ho più tempo per pensare è più semplice per me fare gli assist e quando l’avversario mi lascia lo spazio riesco a farli. Non credo che avversari abbiano paura di me. Cerco comunque di aspettare il momento in cui non vengo marcato.

Per me è facile giocare con Pippo, con Borriello, con Inzaghi, sono tutti grandi calciatori.

SULLA PARTITA DI DOMANI
“Il Real è una squadra fortissima, con grandi calciatori.
Per domani mi aspetto una grande notte di Champions per tutta la squadra e io voglio fare del mio meglio per questa squadra.”

SULLA NAZIONALE
“Un ritorno in nazionale? “Non penso ad altro fuori dal Milan, penso a fare del mio meglio qui, poi tornare in nazionale potrà venire naturalmente, ma la mia priorità adesso è fare bene per il Milan, poi per la nazionale vedremo."

SULLA POSSIBILITA’ DEL MILAN DI VINCERE LA CHAMPIONS LEAGUE
“Il Milan può vincere Champions? Sì, penso di sì, il Milan è una grande squadra con una grande storia in Champions League. Penso che potremo fare bene, è difficile, ma non è impossibile.”

domenica 1 novembre 2009

2 lampi 2 gol


2 lampi di Ronaldinho, 2 gol di Boriello. Milan 2 Parma 0.
Martedì aspettiamo il Real.