lunedì 31 agosto 2009

Il Calcio e' cosi'

Inutile chiedersi di chi sia la colpa, sapete tutti di cosa si parla ovviamente, per i meno svegli lo facciamo presente "Il Derby", 4 pappine sono sempre difficili da digerire e dimenticare, specie se in un Derby di Agosto alla seconda di campionato.
Ben venga questa perdita direi, invece che stare li a polemizzare ogni cosa ed a prendersela con tutti, il campionato e' appena iniziato e tornare con i piedi per terra fara' bene a noi tifosi , ai giocatori ed alla dirigenza.
Sono finite le amichevoli ed e' arrivato il momento di far vedere se siamo una squadra competitiva, cosa che l'Inter ha dimostrato apertamente Sabato. La prima partita della stagione aveva solo illuso un buon gioco e caricato al punto giusto. Purtoppo il calcio e' cosi', a volte si vince e a volte si prendono 4 pappine. Da dimenticare.
Qualcosa su Dinho?.........lo rispettiamo e continuiamo a sperare in lui, come in tutta la squadra.
Forza MIlan!

giovedì 27 agosto 2009

Ronaldinho: "Sono venuto al Milan per vincere. Penso che sia arrivato il momento di farlo"

Intervista a Ronaldinho:

MILANO— Assist, passaggi illuminanti, un tentativo di gol in rovesciata. Dopo la bella partita di Siena, il popolo milanista si chiede: Ronaldinho è tornato?
«Rispetto all’anno scorso sono un uomo felice. Gioco 90 minuti, ho la fiducia di tutti e mi sento bene. Se c’è allegria, anche il rendimento in campo ne risente».
Allora aveva ragione Berlusconi a puntare su di lei?
«Spero proprio di sì».
Il presidente le ha chiesto di diventare il trascinatore del Milan. È onorato o spaventato da questa responsabilità?
«Sono felicissimo. Questo allenatore mi dà fiducia, il presidente mi dà fiducia, la squadra crede in me. Questo è il momento più bello da quando sono al Milan».
È quale è stato invece il momento più imbarazzante? Salire sul tavolino per giurare davanti alla squadra di comportarsi da professionista?
«Non è vero, non è mai successo ».
Come non è vero? E il famoso patto del tavolino?
«Vede? Questa è l’ennesima falsità che gira sul mio conto. Io a differenza di altri non parlo mai delle cose del Milan. Quello che succede nello spogliatoio non deve uscire: nella mia carriera non sono mai andato in giro a raccontare i fatti della squadra.Ma io non mi arrabbio più. Ho deciso di rispondere solo sul campo».
Tra 48 ore avrà una bella occasione: il derby. È sbagliato pensare che la sua prima sfida con l’Inter fu il momento più esaltante della passata stagione?
«Quella notte rappresentò per me un momento marcante, decisivo. Segnavo il mio primo gol con la maglia del Milan, in un derby».
Che ricorda in particolare?
«Tutto: la partita, la felicità dopo il gol, la festa che mi fece la squadra».
Era il 28 settembre: dopo di allora sembrava che il suo cammino fosse in discesa. E invece cosa accadde?
«Mi capitarono diversi infortuni, l’allenatore mi lasciò fuori mandando in campo altri giocatori. Io mi dovevo abituare a un nuovo calcio e a un nuovo paese. Ora sono unuomo diverso: innanzitutto capisco l’italiano. All’inizio incontrai difficoltà perché non comprendevo niente di quello che mi dicevano. Ora ho tutte le istruzioni per l’uso per affrontare il campionato italiano».
È un caso che dopo lo sfogo di Kaká del novembre scorso, quando disse che lei a sinistra lo limitava un po’, Ronaldinho sia stato utilizzato con il contagocce?
«La formazione la faceva Ancelotti... ».
Però, a essere maliziosi, dopo di allora lei è stato impiegato sempre meno...
«L’allenatore ritenne che fosse meglio per la squadra che giocassero altri uomini».
Il luogo comune che l’ha ferita di più?
«Su di me circolano una serie infinita di falsità, ma sono preparato».
La puntualità non è il suo forte: anche oggi non si può dire che sia arrivato all’intervista in perfetto orario...
«Non è colpa mia, avevo altri impegni. Vede? È un luogo comune».
Barcellona la faceva vivere di più?
«No, è proprio come Milano. Abitavo a Castelldefels, un piccolo paese sul mare: se andavo a mangiare in città, il giorno dopo lo sapevano tutti. Come qui: vivo in una piccola cittadina vicino a Milanello ma quando ceno a Milano il giorno dopo tutti chiacchierano. Ecco perché preferisco vivere lontano dal centro: si può fare tutto e nessuno parla».
A Milano è arrivato il suo ex compagno blaugrana Eto’o. Vi siete già sentiti?
«No, mi sento sempre con Maicon ma parliamo di tutto tranne che di calcio».
In Catalogna si diceva che Samuel fosse geloso della sua leadership nel Barça.
«Ma no, è un amico. Non abbiamo mai avuto problemi. Ovunque è così: le cose malas, cattive, si vendono di più».
Vuole mandargli un messaggio prima del derby?
«Samuel, in bocca al lupo per tutte le partite con l’Inter a partire dalla terza di campionato... ».
La convivenza con fuoriclasse come Messi prima o Kaká poi l’ha frenata?
«Io non ho mai avuto problemi a giocare con i campioni. Ho giocato con Ronaldo, con Romario... Avere a fianco i fuoriclasse semplifica la vita, non la complica».
Il Barcellona è la squadra più forte d’Europa?
«Adesso sì, tutti vogliono batterla».
Il Milan dove può arrivare in Champions?
«Fino in fondo. Può diventare campione grazie agli uomini d’esperienza che ci sono qui».
Che cosa non le piace del calcio italiano?
«All’inizio mi dovevo abituare a una tattica diversa ma poi quando cominciano le partite il calcio è calcio ovunque».
Il presidente Berlusconi la vuole vedere in campo in posizione avanzata.
«Nella mia carriera ho sempre fatto il trequartista. Ora è giusto che io venga schierato dove vuole l’allenatore: di certo, più sono vicino alla porta avversaria e meglio è».
L’anno prossimo si giocheranno i Mondiali. Quanto le manca la Seleção?
«Tantissimo. Io voglio andare in Sudafrica e diventare campione del mondo. La convocazione di Dunga rappresenterà uno stimolo in più».
Quale obiettivo si è posto a inizio stagione?
«Sono venuto al Milan per vincere. Penso che sia arrivato il momento di farlo».
da:gazzetta.it

lunedì 24 agosto 2009

domenica 23 agosto 2009

Siena - Milan - Le foto di Ronaldinho e Pato


MilanNews.it, nostro partner, collabora con il Blog "milanelcuore.blogfree.net", tutte le domeniche proporrà le foto di ogni incontro poche ore dopo la conclusione. Noi di R10 apprezziamo e seguiamo da vicino questa iniziativa rossonera. Forza Milan!
Vi ricordiamo anche il nostro concorso "Scatta la tua foto a Ronaldinho", aperto ovviamente già da questo Sabato e che vi invita domenica prossima durante il derby, e durante tutte le altre partite di campionato a fotografare Dinho, le più belle foto (inviate alla nostra mail) saranno pubblicate come sempre. Grazie per le numerose segnalazioni della stagione scorsa.

sabato 22 agosto 2009

Leo, Pato e Dinho

Convince il Milan a Siena, passa con 2 gol a 1. Leo schiera una squadra stabile che predilige i passaggi ed il possesso palla. Pato fa una doppietta assistito da Ronaldinho che lo serve millimetricamente. Una rovesciata del Gaucho gli cambia il voto in pagella, passa da 6.5 a 7. Ottimi i passaggi e buono l'impegno.
Qui trovate il video della sintesi ed il calendario della nuova stagione rossonera.

venerdì 21 agosto 2009

Nuova stagione 2009 - 2010

Il campionato è alle porte, Sabato sera il Milan sarà a Siena per la prima, tutti aspettano già la seconda, il derby, ma partire bene è importante per il morale.
Partita sulla carta leggera ma importantissima per amalgamare subito la fame di vittoria, ormai manca da molti mesi.
Con grande speranza affidiamo per un'altro anno questo Blog, il Milan, ma sopratutto la nostra fede al nostro idolo Ronaldinho, carichi , emozionati e con tanta voglia di Milan auguriamo a tutti i nostri lettori un Buon Campionato, un Buon Ronaldinho.

I numeri rossoneri dal sito del Milan:
Ecco la numerazione ufficiale della Rosa di prima squadra del Milan 2009-2010. Per quanto riguarda i rossoneri storici non ci sono variazioni di rilievo. Per il resto, confermati il "22" per Marco Borriello e il numero 80 di Ronaldinho. I nuovi: la maglia numero 5 per Onyewu, l'11 per Huntelaar, il 17 per Zigoni, il 20 per Abate, il 30 per Storari, il 31 per Roma, il 33 per Thiago Silva (il difensore brasiliano aveva già giocato le amichevoli con questa numerazione), il 44 per Oddo, il 49 per Di Gennaro.

venerdì 14 agosto 2009

domenica 2 agosto 2009

Ronaldinho parla: (state attenti!)

Ciao a tutti!!
Sono appena ritornato a Milano, dopo aver concluso la prima fase di preparazione per la stagione 2009/2010. Ho viaggiato con il Milan negli Stati Uniti e in Germania, dove abbiamo disputato due tornei amichevoli.

I risultati non sono stati ideali, ma il miglioramento nell’affiatamento della squadra e i miei personali progressi sono stati molto positivi.

Dopo un semestre senza giocare, ho avuto l’opportunità di fare ciò che mi piace: giocare per 90 minuti e molti altri ancora! ...Ho corso, sono riuscito a creare delle giocate pericolose verso rete, ho sudato molto ( c’era molto caldo negli USA) e sono tornato a Milano certo di aver raggiunto il mio primo obiettivo: recuperare il ritmo di gioco e migliorare la mia condizione fisica.

Il 03 riprendiamo gli allenamenti e inizia la seconda fase di preparazione.
State attenti che il mese di agosto sarà caldo, dentro e fuori i campi da gioco....amichevoli, partite commemorative e il 23 inizia il campionato italiano.

Tra una partita e l’altra manderò altre notizie. Ciao!
Dal Blog Ufficiale